Torna ai vini

CARTA VINI BIO

Prevede una diminuzione dei trattamenti antiparassitari sia nel numero che nella quantità di principio attivo erogato sulla vegetazione e una limitazione delle epoche di intervento. Non si possono usare diserbanti antigerminativi o residuali e viene notevolmente limitato l’uso, sia nella quantità che nelle modalità di applicazione, di tutti i diserbanti di contatto. Esistono limitazioni quantitative anche per i fertilizzanti e vengono incentivate le pratiche di inerbimento e l’applicazione di nidi di legno per i volatili nei vigneti.

AGRICOLTURA BIOLOGICA
Prevede, secondo un disciplinare definito dal regolamento CE 2092/99, una limitazione dei trattamenti antiparassitari che autorizza esclusivamente l’uso di principi attivi di origine minerale (zolfo e rame) a basso dosaggio, vietando l’uso di ogni altro formulato chimico di sintesi. Non si possono usare diserbanti chimici e vengono autorizzati esclusivamente metodi di controllo delle infestanti erbacee di tipo fisico (pirodiserbo, pacciamatura, taglio). I fertilizzanti utilizzati a dosi ridotte possono essere solo di origine organica.

AGRICOLTURA BIODINAMICA
Partendo dai principi dell’agricoltura biologica viene data particolare importanza alla fertilità microbiologica dei terreni e vengono utilizzate tecniche di dinamizzazione dei fertilizzanti di origine organica che consistono in diluizione e centrifugazione in acqua prima dell’applicazione al terreno stesso. Sono disincentivate le lavorazioni del suolo. Vengono inoltre utilizzati come antiparassitari essenze naturali fortemente diluite.

AGRICOLTURA BIOLOGICA - (agricoltori artigiani artisti)
Soltanto chi coltiva direttamente il vigneto puo’ instaurare un rapporto corretto tra uomo e vite, ed ottenere un'uva sana e matura esclusivamente con interventi agronomici naturali. Occorrono metodi e capacità “artigianali” per attuare un processo produttivo viticolo ed enologico che non modifichi la struttura originaria dell’uva, e non alteri quella del vino. Solamente la sensibilità “artistica” di un produttore, rispettoso del proprio lavoro e delle proprie idee, può̀ dar vita ad un grande vino dove vengano esaltati i caratteri del territorio e del vitigno.